La Cosmesi dei Diritti

Credits: dragondesombras.blogspot.it

L’esistenza è irriducibile all’idea di diritto che non esiste di per sé. Se il valore intrinseco di un diritto dipende dalla benevolenza di altri, che possono riconoscerlo o negarlo, è un valore ben misero. Ogni essere umano, di per sé, ha solo doveri.

Se fosse solo sulla terra, avrebbe comunque doveri rispetto a sé, alla terra. Se fossero in due avrebbero doveri rispetto a sé, alla terra, ognuno all’altro. Il dovere esplicato nei confronti dell’altro è il diritto dell’altro. Pensare che ad un diritto corrisponda un dovere è una sciocchezza. Pensare che i diritti esistano di per sé è demagogia. Il concetto di dovere e il concetto di diritto appartengono ad ordini diversi. Il diritto è subordinato al dovere esistendo solo come conseguenza dell’esplicazione dello stesso. Ben triste il tempo che identifica il piacere del vivere, la sua meraviglia, nella fuga da ogni dovere e se quel tempo è anche sciocco glorificherà il diritto. Ben triste il tempo che riduce la vita a colpa, espiazione, eterno lutto. Più facile vivere tra gli sciocchi, che tra i fustigatori. È che, a ben vedere, sono gli sciocchi che preparano il tempo dei fustigatori e i fustigatori allevano gli sciocchi.

Passo dal libro “Reduce”, di Giovanni Lindo Ferretti (2006, Arnoldo Mondadori Editore, pag. 98-99).

Mi illuminò quando lo lessi, soprattutto per la sua ovvietà, perché di solito pensiamo a tutto ma mai all’ovvio, che è la parte più importante. Con la conseguenza che cominciai a guardare con sospetto chiunque parlasse di diritti con veemenza, politicanti e non. Sia nel micro che nel macro, spesso i diritti vengono utilizzati per effettuare una operazione “cosmetica” atta a nascondere altri interessi. Bisogna stare molto attenti a chi parla di diritti, senza citare prima i doveri grazie a cui i diritti riescono ad esistere.

1 commento
  1. M∆B
    M∆B dice:

    A proposito di diritti, una interessante riflessione sulle nuove guerre “ibride”, a cui stiamo assistendo in questo primo secolo del Duemila, incentrate tutte sui diritti civili (e mai quelli economici). Il tutto è cominciato con le rivoluzioni colorate e si è perfezionato con la primavera araba, fino ad arrivare ad oggi con Black Lives Matter e compagnia bella. Secondo me sono una continuazione, più raffinata, dei modelli sperimentati nei paese sudamericani, prendendo come spunto sempre la corruzione (stile Tangentopoli, per intenderci)…

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Stupiscimi: sicuramente ne sai più di me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.